forumambientalista

Pax Christi: irrisorie e dannose le dichiarazioni di Berlusconi in visita a Israele

In 1 on febbraio 5, 2010 at 1:54 pm

Il muro eretto da Israele – Foto: desertpeace

“Una pesantissima banalizzazione del processo di pace e un’irrisione delle Nazioni Unite che rischiano di trascinare l’Italia fuori dal consesso dei paesi e delle istituzioni internazionali che tessono da anni il faticoso cammino della pace”: così il coordinatore nazionale di Pax Christi, don Nandino Capovilla, definisce le dichiarazioni del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, nel corso della visita ufficiale in Israele. In questo modo – prosegue don Capovilla – il presidente del Consiglio “ha attuato ieri una liquidazione totale delle speranze di pace in Terra Santa”. “Affermando che è stato giusto il massacro su Gaza, ha liquidato il lavoro prezioso e oggettivo svolto dalle Nazioni Unite nel monitorare un inaudito massacro di civili, la distruzione di migliaia di case, scuole, ospedali attraverso l’uso di armi illegali.

“Asserendo di ‘non aver visto’ il Muro dell’apartheid che circonda Betlemme, ha vergognosamente liquidato il pronunciamento fatto nel 2004 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite che ne ha condannato la costruzione evidenziandone le terribili conseguenze umanitarie. “Può il Presidente del Consiglio arrivare a un livello così insopportabile di irresponsabilità?” – chiede don Capovilla.

“Definendo più volte Israele come “Stato ebraico, libero e democratico”, ha liquidato quel milione e duecentomila cittadini dello Stato d’Israele, che ebrei non sono, e che vedono ogni giorno calpestati i loro diritti. Come proclamarsi insistentemente “amici di Israele” quando non lo si esorta ad essere veramente uno stato democratico?”

“Identificando come antisemita chiunque si opponga alla politica di occupazione, di umiliazione e di disprezzo di qualsiasi Risoluzione Onu da parte dello Stato d’Israele, ha liquidato e denigrato le sofferenze patite da migliaia e migliaia di palestinesi, in spregio a quanti, israeliani, palestinesi, uomini e donne di ogni Paese, si battono insieme alla ricerca di una pace giusta, fondata sul rispetto delle leggi internazionali”. “Non si può – conclude don Capovilla – raggiungere la meta della riconciliazione tra i popoli svendendo sul mercato una “pace economica”, la “pace del benessere” Davvero non ci possono essere ‘i saldi’ della pace”.

Anche il coordinatore nazionale della Tavola della pace, Flavio Lotti,ha rivolto critiche precise alle dichiarazioni del presidente del Consiglio in Israele. “Chiunque voglia aiutare gli israeliani e i palestinesi a fare la pace, sa che deve considerare in modo equilibrato le ragioni degli uni e degli altri. La scelta del Presidente del Consiglio Berlusconi di schierare l’Italia a fianco di una sola delle due parti in conflitto (Israele) ci impedisce di svolgere qualsiasi ruolo di pace. Da oggi l’Italia è diventata chiaramente parte del conflitto e non strumento per la sua soluzione” – sostiene Lotti.

Per il coordinatore della Tavola della pace “questa scelta provocherà gravi danni anche al nostro paese, è contraria al nostro interesse nazionale e all’interesse dell’Europa, espone i cittadini italiani a nuovi inutili rischi, riduce drammaticamente la nostra credibilità in Europa e nel mondo, indebolisce l’Unione Europea e gli sforzi di rafforzare il suo ruolo di pace in Medio Oriente attorno ad una posizione comune, colpisce le forze di pace che operano tra molte difficoltà in Israele e in Palestina, ci allontana dai paesi arabi moderati e indebolisce la loro proposta di pace, indebolisce le iniziative per la pace in Medio Oriente messe copiosamente in campo dalla società civile e dagli Enti Locali italiani, ci isola da tutti coloro che nel mondo stanno cercando di costruire la pace in Medio Oriente”.

“E’ impressionante – sottolinea Lotti – che non una delle posizioni dell’Unione Europea è riecheggiata nelle parole del presidente Berlusconi (ad eccezione di un riferimento estemporaneo al congelamento delle colonie)”. “Nessun uomo di pace può permettersi di giustificare quello che è successo a Gaza, di ignorare le sofferenze e le domande di un popolo che vive ancora sotto occupazione, di chiudere gli occhi sul muro che lo soffoca”.

I veri amici di Israele – continua Lotti – sono quelli che operano assiduamente a questo scopo nel rispetto della legalità e del diritto internazionale dei diritti umani. Tutti sanno che non c’è nessuna speranza di garantire la sicurezza di Israele negando la sicurezza dei suoi vicini di casa, a cominciare dai palestinesi. Chi ignora questa realtà fa male a Israele quanto le bombe”.

Infine – evidenzia il coordinatore della Tavola della pace – “il Governo Berlusconi ha deciso di innalzare pesantemente il livello di scontro diplomatico con l’Iran con parole di fuoco e sanzioni. Ma perché, se si invocano le sanzioni contro l’Iran, non abbiamo ancora intaccato i nostri traffici commerciali con quel paese? Quanta sostanza c’è dietro questa decisione dell’Italia? Ma poi, siamo davvero sicuri che questa sia la strategia giusta per fermare la proliferazione nucleare in Medio Oriente e per favorire un cambio democratico in Iran?” “La pace in Medio Oriente -coclude Lotti – non ha bisogno di uomini di parte ma di seri operatori di pace. E’ tempo che i veri amici degli israeliani e dei palestinesi si facciano sentire. Nell’interesse di tutti”. [GB]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: