forumambientalista

Marocchino morto per strada “tra l’indifferenza dei passanti”. La provocazione della ‘Nuova Ferrara’

In 1 on febbraio 20, 2010 at 2:00 pm

Un grande necrologio campeggia sabato sulla prima pagina del quotidiano la Nuova Ferrara. Uno choc dedicato al giovane Sahid Belamel, straniero e clandestino, morto per il freddo la mattina di San Valentino dopo essere stato per molte ore nudo e ferito ai bordi di una strada senza che nessuno lo soccorresse.

E’ un necrologio “provocatorio” ( “ci ha lasciato nell’indifferenza generale dei passanti…abbandonato in agonia e morto di freddo”) voluto dal direttore Paolo Boldrini per scuotere la città su quanto di sconcertante è avvenuto e per far riflettere i ferraresi su un episodio che non deve essere dimenticato.

Il giornale pubblica l’intervento del sindaco Tiziano Tagliani, dell’arcivescovo monsignor Paolo Rabitti e di don Domenico Bedin, sacerdote di “frontiera” che si occupa dei problemi di immigrazione e gestisce un’associazione per la prima accoglienza di chi si trova in difficoltà.

“Stiamo perdendo di vista il vero senso della vita – scrive il sindaco Tagliani – con un forte individualismo a scapito dei valori comuni e universali che ci sono stati consegnati dai nostri antenati e che abbiamo il dovere di mantenere vivi per noi e per i nostri figli. La morte di Sahid Belamel ci costringe a meditare”.

L’arcivescovo Paolo Rabitti nel suo fondo scrive: “Così muore la pietà”, e paragona l’episodio ferrarese alla parabola evangelica del Buon Samaritano… “fui visto da molti e lasciato nello stato di abbandono, senza vestiti e malfermo e, perciò, abbandonato al suo destino. Così anche Ferrara, dopo altre città, entra nel novero delle comunità umane ad alto tasso di disumanità. Così i giovani, che sembrano tutt’uno quando varcano le discoteche, nel momento in cui uno di loro sballa e ’sbiella’, lo lasciano al loro destino”.

Don Domenico Bedin lancia un confronto con un’altra giovane morte che ha scosso i ferraresi, quella di Federico Aldrovandi. “Il far finta di non vedere – scrive il sacerdote – per non compromettersi, è stata la costante anche della vicenda di Federico, rotta solo da una camerunense (la prima testimone a riferire di un ruolo ‘attivo’ di quattro agenti di polizia nella morte del giovane, ndr) che in qualche modo ci ha redenti. Ma non abbiamo imparato la lezione”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: