forumambientalista

Occhio alle biomasse

In 1 on marzo 3, 2010 at 3:01 pm
 
Le biomasse sono ecologiche? Dopo mesi di tentennamenti, l’Europa ha imboccato la facile scorciatoia: i criteri di sostenibilità per le biomasse solide e gassose nella produzione di energia saranno delegati agli Stati membri, cui sarà affidato il compito di adottare standard volontari.

Questa decisione avrà un forte impatto sull’Italia, il più grande importatore mondiale di legna da ardere e secondo importatore europeo di chips e pellets. Molto di questo legname viene da infatti da aree dell’Europa orientale, in cui il taglio illegale o distruttivo è ancora largamente diffuso.

“Le biomasse sono una delle risorse più importanti per raggiungere gli obiettivi europei per le energie rinnovabili – sostiene il commissario europeo per l’energia Günther Oettinger – e già contribuiscono a oltre la metà del consumo energetico europeo, assicurando una fonte di energia pulita, sicura e competitiva”. Ma la crescente domanda di biomasse per la produzione di energia rinnovabile sta già intensificando la pressione sulle foreste europee e degli altri paesi.

Secondo gli ambientalisti, la decisione adottata contribuirà invece alla crescita delle importazioni da paesi che non garantiscono serie misure di protezione contro la distruzione degli ecosistemi naturali.  “Questa scelta dà vita al peggiore degli scenari – è il commento László Máthé, del WWF – E’ grave che la Commissione Europea non abbia tenuto conto dei risultati delle consultazioni, durante le quali quasi tutte le parti si erano appellate alla definizione di un quadro di criteri vincolanti”.

Alcune pratiche di prelievo della biomassa, come l’estrazione dell’albero alla radice, hanno impatti di lungo periodo. “Le biomasse non sono di per sé un materiale ecologico né responsabile verso il clima – aggiunge Máthé – Un recente rapporto dell’Agenzia Ambientale Europea prova che il beneficio per il clima varia ampiamente a seconda delle metodologie con cui la biomassa è stata prodotta, e con cui viene convertita in energia”.

L’Unione Europea si troverà qiundi a gestire 27 diversi schemi nazionali sulla sostenibilità delle biomasse, con la conseguente confusione nel mercato comune. I produttori dovranno adattarsi a schemi diversi, con maggiori costi di produzione, o dovranno subire la concorrenza sleale di operatori che producono in paesi dagli standard più bassi. Da parte ambientalista si richiede l’adozione di forti criteri di responsabilità sociale e ambientale, per assicurare che le biomasse siano di origine legale ed escludere che siano legate a pratiche distruttive, alla conversione di preziosi ecosistemi o che mettano a rischio essenziali colture alimentari. Deve inoltre essere definito un sistema univoco per un calcolo completo delle emissioni generate durane la produzione delle biomasse.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: