forumambientalista

DUE ANNI DI GOVERNO BERLUSCONI: ECCO TUTTE LE POLITICHE ANTI-AMBIENTALISTE

In Senza categoria on maggio 11, 2010 at 6:54 pm

Mai nessun governo prima aveva commesso tali crimini ambientali. In soli due
anni i danni apportati al Paese hanno conseguenze gravose per la salute, il
futuro e, anche, per l’economia di tutti i cittadini. Questo governo porta
avanti una quotidiana politica di mercificazione della natura, piegandosi
agli interessi delle grosse lobby e dei potentati economici.
Andiamo per ordine e analizziamo le principali politiche (alcune ancora in
discussione al Parlamento):
 
1) UCLEARE: Il decreto, voluto nel dicembre 2009 dall’ormai ex ministro
Claudio Scajola che stabilisce nel Paese il ritorno dell’atomo e la nascita
di un’Agenzia del nucleare, è un enorme passo indietro. Un tentativo di
affossare il referendum del 1987 che sancì proprio il rifiuto del nucleare. Adesso
questo governo ci riprova con quello di terza generazione. Rimangono inalterate
alcune questioni: il problema dello smaltimento delle scorie, la sicurezza degli
impianti, i costi per la costruzione dei nuovo siti, il rischio per la
salute dei cittadini. Senza considerare che i costi della bolletta potranno solo
che salire a vantaggio delle lobby che sul nucleare faranno affari. Anche la
scelta di tenere nascosta la mappa dei futuri siti o l’idea di militarizzarli con
l’esercito per evitare le proteste sono politiche autoritarie, il
governo cerca di imporre dall’alto una fonte energetica che i cittadini non
vogliono. Per questo il Forum Ambientalista ricorda la petizione popolare
fatta lo scorso anno e nel caso promette battaglia attraverso un nuovo referendum. Per espellere definitivamente il nucleare dal Paese.

2) ACQUA: Il decreto Ronchi punta alla privatizzazione del bene comune per
eccellenza. Una vergogna, per la nostra associazione. Siamo alla
mercificazione totale, adesso i privati faranno profitti su una risorsa collettiva che deve essere, per diritto, garantita a tutta la popolazione. E’ una scelta che va
anche in controtendenza rispetto altri Paesi che precedentemente avevano
optato per la strada della privatizzazione dell’acqua, che oggi sono tornati sui
propri passi e che stanno ripubblicizzando i servizi idrici. Anche il danno
ambientale sarà enorme: in un momento in cui i cittadini si stanno educando
alla riduzione dei consumi, l’ingresso dei privati incentiverà invece l’uso
e lo spreco dell’acqua. Senza dimenticare anche qui il conseguente aumento dei
costi della bolletta. Il governo si troverà di fronte una forte opposizione
nel Paese: dalle piazze alle istituzioni locali contrarie a metter in pratica
tale norma. La raccolta delle firme per il referendum abrogativo sta procendendo
con ottimi e inaspettati risvolti.

3)INCENERITORI, RIGASSIFICATORI, GRANDE ENERGIA: l’emergenza rifiuti in Campania ha consentito all’esecutivo di approvare quattro inceneritori nell’area napoletana, in barba al dibattito che l’opinione pubblica aveva posto, insieme alle associazioni ambientaliste, sull’opportunità di destinare risorse per lo sviluppo della raccola differenziata: il risultato e’ che l’emergenza rifiuti si sta riproponendo e la raccolta differenziata a Napoli e’ ancora al
punto di partenza. In piu’ si e’ aggiunta la stessa emergenza per la citta’ di
Palermo: anche in Sicilia sono pronti 4 inceneritori che solo le problematiche politiche della giunta Lombardo hanno bloccato. Ed in Sicilia spunta un altro problemino ambientale: il rigassificatore di Porto Empedocle. E cosi’, invece di puntare finalmente sulla valorizzazione turistica-ambientale
di quelle coste tanto bene illustrate dalle fiction del Commissario
Montalbano, si punta sul nuovo polo energetico agrigentino, come se in Sicilia di poli energetici devastanti non ce ne siano gia’ a sufficienza.

4)CLIMA   Mentre negli Stati Uniti stanno lanciando la green economy, in
Italia si mette in discussione il protocollo di Kyoto, bollandolo come atto
pieno di falsità, e si è lavorato, riuscendoci, per far saltare il vertice
di Copenaghen. Siamo l’anomalia negativa dell’Europa nel campo energetico. 
Mentre negli altri Paesi si investe su fonte rinnovabili, in Italia la destra punta
ancora sul carbone. Dimenticandosi del danno che genera all’ambiente e alla
salute della popolazione locale. Per questo l’associazione appoggia in toto
la vertenza dei comitati locali che non accettano sul proprio suolo queste
centrali. Le uniche soluzioni sono il risparmio energetico e le fonti
rinnovabili. Il carbone, così come l’atomo, andrebbe bandito in quanto
killer dell’ambiente, del clima e delle persone che vivono nelle zone limitrofe
alla centrale. A sostenerlo è anche l’Europa che ha richiamato più volte l’Italia
per l’eccessiva emissione di Co2.

5)PIANO CASA: Il piano proposto, ancora non diventato legge per fortuna, è
un input a delinquere: si cementifica il paesaggio e si invita a costruire in
maniera selvaggia, senza rispettare nessun vincolo. Si tratta, sostiene il Forum Ambientalista, di un regalo ai palazzinari e agli speculatori immobiliari. Un ennesimo condono edilizio e un avallo all’abusivismo. L’emergenza abitativa va affrontata con una seria politica di bioedilizia, col recupero degli stabili demaniali al momento vuoti e rilanciando la costruzione di edilizia pubblica, nel rispetto ovviamente dell’ambiente e dei piani regolatori cittadini. Il governo ne prenda atto.
6) GRANDI OPERE E MESSA IN SICUREZZA DEI TERRITORI: Il ponte sullo Stretto di Messina, la Tav in Val di Susa, il Mose a Venezia: miliardi di euro investiti da questo governo per opere inutili e con un impatto ambientale disastroso. Le priorità in Italia sono ben altre, l’esecutivo investa, ad esempio, sulle ferrovie nel Mezzogiorno e sulla messa in sicurezza dei territori come
dimostrano le ultime frane a causa di alluvioni. L’esecutivo continua a
annunciare l’edificazioni di maxi infrastrutture dimenticandosi le vere
urgenze del Paese. Inoltre rispetto all’Europa siamo indietro con l’utilizzo delle
ferrovie. Infatti se nelle altre nazioni i trasporti viaggiano su ferro, in
Italia stiamo ancora con la gomma dei camion. Il Forum Ambientalista invita
Matteoli a investire in questi settori e non su opere faraoniche dannose all’
ambiente e per i cittadini.
7) CACCIA: legge approvata da poco in cui si estende la stagione venatoria.
Il provvedimento è un favore solo alle lobby oltranziste della caccia, infatti
persino altre associazioni del mondo venatorio si sono opposte al progetto
del governo. Non è accettabile cacciare ovunque, compresi i parchi e colpire
specie protette di uccelli. Sondaggi dimostrano come la maggior parte dei cittadini la pensi come il Forum Ambientalista.

Per info, Giacomo Sette  338-1202287

 
 
Forum Ambientalista
Associazione di volontariato riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente
Via di Sant’Ambrogio 4, 00186 ROMA
Tel. 06/45449948, 06/68392183 – C.F.: 97295190587
http://www.forumambientalista.org
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: