forumambientalista

SI APRE IL PROCESSO MARLANE: FORUM AMBIENTALISTA SARA’ PARTE CIVILE

In Senza categoria on luglio 12, 2010 at 7:42 pm

Dopo oltre dieci anni di indagine, in una prima fase chiuse e recentemente riaperte, domani martedì 13 Luglio è fissata al Tribunale di Paola (CS) l’udienza preliminare del ‘processo Marlane’, relativo alla fabbrica di Praia a Mare, di proprietà della Marzotto, chiusa qualche anno fa, che, nell’ipotesi dell’accusa, ha portato lavoro e morte. Una delle ‘fabbriche di veleni’ distribuite nei sud del mondo. La parte civile, oltre che dai parenti dei defunti e dagli operai ancora in vita con gravi patologie, sarà rappresentata dalla nostra Associazione in difesa del territorio stesso, soggetto giuridico da pochi anni nel nostro paese”. Lo dichiara ai media Ciro Pesacane, presidente del Forum Ambientalista, che spiega come “sul banco degli imputati sia per la proprietà Pietro Marzotto, insieme con alcuni dirigenti della fabbrica, con l’accusa di aver provocato, per incuria e mancanza di rispetto delle regole della sicurezza sul lavoro, la morte per tumore di un numero ancora non precisato (ma oltre il centinaio) di operai, oltre all’inquinamento grave del terreno circostante, sito in ambito urbano”.

È la conclusione – aggiunge ancora Pesacane – di un iter e l’inizio di un altro, che hanno, per il contesto urbano, per l’area colpita (gli operai morti provenivano da un vasto territorio comprendente la bassa Basilicata e l’Alto Tirreno Calabrese), per l’intreccio cruciale rappresentato dal conflitto tra capitale, lavoro e ambiente, la stessa valenza delle storiche battaglie attorno alla Montedison di Porto Marghera, all’Acna di Cengio ed ai mille Sud del mondo sul quale sono stati, e sono tuttora, riversati rifiuti di ogni genere con sommo sprezzo della vita umana”.

E ancora: “In un contesto, inoltre, in cui l’intreccio tra povertà, possibilità di lavoro e controllo del territorio, hanno scatenato varie mafie, sia quella con la M maiuscola, sia quelle politiche che si sono affiancate alla prima. E c’è chi, ma oggi non siede sul banco degli imputati, su quella povertà, su quella necessità di lavoro, ha costruito fortune politiche diventando concausa della morte di quelle persone in nome di uno sviluppo a termine, uno sviluppo che rapina”.

Di questo e di altro – conclude il presidente del Forum Ambientalista – saremo testimoni dentro e fuori il processo, in difesa dei deboli, oggi ricattati perché non si costituiscano parte civile, perciò due volte vittime, e della più debole tra parti lese, quel territorio devastato, umiliato, snaturato che semina ancora morte potenziale tra i residenti, ridotti quasi al silenzio dall’imperante mito dello sviluppo”.

 

 

Per info Giacomo Sette 338-1202287

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: