forumambientalista

Diverse da quartiere a quartiere. Mappa delle istruzioni per la raccolta differenziata dei rifiuti

In Senza categoria on gennaio 31, 2011 at 4:48 pm

Chissà perchè il ministro per la Semplificazione Calderoli non ha mai ritenuto opportuno occuparsi di raccolta differenziata dei rifiuti.

E’ una giungla. Istruzioni e regole cambiano da Comune a Comune, da quartiere a quartiere: con grave imbarazzo per chiunque metta piede nella cucina di un amico.

Ho una mia idea sul motivo di tutto questo caos, e sul perchè – ancor prima di una seria raccolta differenziata – non venga organizzata la riduzione dei rifiuti alla fonte. Vuoto a rendere e prodotti alla spina per non acquistare immondizia insieme alla spesa.

Comunque il web prova districare la matassa, e da oggi sul sito “Chilo avrebbe mai pesato” viene costruita la mappa on line delle istruzioni per la raccolta differenziata in Italia. Ovvero, i mille modi per trattare la monnezza.

Lungo l’italico stivale i bidoni adibiti alla raccolta del medesimo materiale mostrano una stupefacente varietà di fogge e colori. E sarebbe ancora il meno.

Le istruzioni per riempirli variano notevolmente: qui il tetrapak va con la carta, là nell’indifferenziato. Qui la plastica si deposita insieme alle lattine, là le lattine vanno con il vetro. A casa mia è considerata riciclabile tutta la plastica, da mia cugina solo le bottiglie. Eccetera eccetera.

Senza contare i metodi di raccolta: “porta a porta”, bidoni in strada, campane stradali. Con tutte le possibili sfumature intermedie, va da sè.

Da oggi il sito “Chilo avrebbe mai pesato” tenta di ovviare costruendo una mappa su cui gli internauti inseriscono le istruzioni per la raccolta differenziata in vigore a casa propria. Così se, poniamo, vai a cena dall’amico e poi prevedi di aiutarlo a sparecchiare, sai come devi comportarti con le pattumiere di casa.

In attesa che il ministro Calderoli semplifichi, ovviamente. Ma la monnezza è oro, si dice. Più immondizia si produce, più fiorisce l’industria del packaging, alla faccia dell’inquinamento e dell’ambiente: e alla faccia dei consumatori, costretti ad acquistare e pagare involucri inutili insieme alla merce, e poi a pagare di nuovo per il loro smaltimento.

Inoltre, regole disomogenee e bizantine per la raccolta differenziata sono anch’esse fonte di business: tanta gente finisce per commettere errori nella raccolta differenziata (o per non farla, addirittura) e il materiale, diciamo, impuro non può essere riciclato ma va ad alimentare discariche inceneritori.

Personalmente, non mi capacito che possano esistere così tante regole per differenziare l’immondizia, e così tanti sistemi per raccoglierla. Ci sarà ben qualcosa che funzioni sul serio? Sì, c’è. Il “porta a porta” in molti luoghi (Veneto, Piemonte eccetera) consente di raggiungere anche l’80% di raccolta differenziata: e spesso, nei piccoli centri, ancor di più.

Ebbene, se davvero si ha a cuore l’ambiente basta semplificare l’Italia: prendere quei modelli con le relative istruzioni ed estenderli al resto del patrio suolo. Secondo voi, il ministro Calderoli ci farà mai un pensierino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: