forumambientalista

Giornata della donna in Italia, nel Nord Africa e nel mondo per la parità di diritti

In Senza categoria on marzo 8, 2011 at 5:04 pm

8 marzo – Foto: robertomaurizioblog

“Incontriamoci l’8 marzo fuori dagli asili, negli uffici, nei parchi, nei condomini, nelle scuole, tra amiche, nei luoghi di lavoro, nelle università e parliamo di donne, di lavoro, di maternità e paternità. Discutiamo anche dell’informazione e del modo in cui i media rappresentano o non rappresentano queste realtà. Dobbiamo essere in tante”. E’ l’appello lanciato per oggi ‘Giornata internazionale della donna’ dal movimento “Se non ora quando? Adesso!” che invita oggi tutte a legarsi virtualmente con un fiocco rosa beneaugurante, nel 150esimo dell’Unità d’Italia, per una rinascita del nostro Paese. “Dopo aver riempito le piazze con la manifestazione del 13 febbraio – scrivono nell’appello – adesso ci siamo e apriamo il confronto sui temi proposti dal nuovo appello: i lavori, la maternità/paternità, l’informazione. Le parole d’ordine, stavolta, sono informare, chiedere e ottenere”.

Un messaggio, quello delle donne italiane, che è in sintonia col tema della Giornata internazionale di quest’anno che è “Equal access to education, training and science and technology: pathway to decent work for women” (Parità di accesso all’istruzione, alla formazione, alla scienza e alla tecnologia: la strada per un lavoro dignitoso per le donne).

“Sebbene il divario di genere nell’istruzione stia scomparendo, restano ampie differenze all’interno e tra gli Stati – afferma il Segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon nel suo messaggio. Tuttora l’educazione viene negata a troppe ragazze che lasciano gli studi prematuramente o completano la scuola con competenze limitate e quindi minori opportunità. Donne e bambine continuano a subire discriminazioni e violenze inaccettabili, spesso per mano del compagno o di parenti. In casa e a scuola, al lavoro e nella comunità, essere donna vuol dire troppo spesso essere vulnerabile. Inoltre, in molte zone di conflitto la violenza sessuale è deliberatamente e sistematicamente utilizzata per intimidire le donne e intere comunità”.

“I diritti delle donne dovrebbero essere in cima alla lista delle nuove priorità” – sostiene Navy Pillay, Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani con particolare riferimento alle donne protagoniste delle manifestazioni popolari in Medio Oriente e in Nord Africa. “Come altri membri della società – ha continuato Pillay – le donne hanno subito l’impatto della repressione, della corruzione e della mancanza di giustizia sociale. Molte donne in Tunisia ed Egitto hanno subito torture, sono state arbitrariamente arrestate e messe a tacere”. “Il concetto di democrazia si realizza veramente solo nel momento in cui il processo decisionale politico è condiviso da uomini e donne, ed è garantita la piena partecipazione delle donne nella ricostruzione istituzionale” – ha concluso Pillay auspicando che “i diritti delle donne siano alla base di questo nuovo inizio” ed invitando a “stare all’erta contro ogni possibile regresso”.

La Campagna Noppaw (Nobel Peace Prize for African Women), che propone l’assegnazione del Nobel per la Pace 2011 alle donne africane nel loro insieme, nei giorni scorsi ha rilanciato ai mass-media la proposta di dedicare oggi la prima pagina delle testate alle donne africane. “Ciò che sta accadendo in Nord Africa ha connotati simili a ciò che accade anche in tanti altri paesi dell’Africa sub-sahariana dove spesso i forti interessi economici superano i diritti umani” – ha detto alla presentazione della proposta la congolese Pauline Kashale. “È importante che i media si occupino di queste realtà, troppo spesso sottaciute – ha sottolineato – e che la comunità internazionale accolga il vento di democrazia che spira nel Nord del continente e sappia creare i presupposti affinché questo vento raggiunga anche il resto dell’Africa”.

La ong ActionAid – che dedica un ampio spazio del proprio sito alle testimonianze di donne in diverse parti del mondo evidenzia che oggi, 8 marzo, è prevista una grande manifestazione a Bhopal per far cessare le vergognose violenze contro le donne e di stabilire una condizione di pari diritti e opportunità per le donne e gli uomini. Già ieri mattina, circa un centinaio di manifestanti ha organizzato un sit-in di protesta a Bhopal: con un bavaglio nero sulla bocca, lucchetti e catene a legare idealmente braccia e gambe hanno messo in scena la difficile condizione di vita della donna nella regione indiana del Madhya Pradesh, una delle più problematiche al mondo per quanto riguarda le violenze di genere. Il sit-in rientra in una più ampia campagna di sensibilizzazione organizzata da Jan Pahel, una piattaforma locale per diverse associazioni che combattono per i diritti delle minoranze e di cui ActionAid fa parte.

Le origini della festa dell’8 marzo risalgono al 1908 quando a New York le operaie dell’industria tessile Cotton scioperarono per protestare contro le terribili condizioni in cui erano costrette a lavorare. Lo sciopero si protrasse per alcuni giorni, finché l’8 marzo il proprietario Mr. Johnson, bloccò tutte le porte della fabbrica per impedire alle operaie di uscire. Allo stabilimento venne appiccato il fuoco e le 129 operaie prigioniere all’interno morirono arse dalle fiamme. Da allora la data dell’8 marzo venne proposta come Giornata di lotta internazionale a favore delle donne e dal 1975 è diventata una Giornata internazionale celebrata dall’Onu. [GB]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: