forumambientalista

LANCIAMO CAMPAGNA PER CHIEDERE LE DIMISSIONI DEL MINISTRO PRESTIGIACOMO

In Senza categoria on marzo 15, 2011 at 6:26 pm

Siamo all’emergenza totale: qui si rischia un disastro umano a causa del nucleare. Il Giappone è in ginocchio e faticosamente cerca di rimettersi in moto.In tutto il mondo si discute sulla sicurezza o meno dell’atomo e invece l’Italia marcia tranquilla verso il ritorno del nucleare nel Paese. Come se niente fosse. Per questo la mia associazione è pronta a lanciare una campagna, con tanto di appello e varie iniziative, per chidere le dimissioni del ministro Prestigiacomo. Un ministro irresponsabile che porta, come al solito, l’Italia fuori dal contesto mondiale. E’ l’ora che noi ambientalisti facciamo sentire la nostra voce dopo anni di propaganda nuclearistica fatta di menzogne”. Lo dichiara in una nota Ciro Pesacane, presidente del Forum Ambientalista

per info, Giacomo Sette  338-1202287
 
 
Forum Ambientalista
Associazione di volontariato di protezione ambientale riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente
Via di Sant’Ambrogio 4, 00186 ROMA
Tel. 06/45449948 – C.F.: 97295190587
www.forumambientalista.org

Annunci
  1. Governo e opposizione votano insieme sulle rinnovabili, i contenuti della mozione ancora non li conosco, avevo capito che le posizioni tra i due schieramenti erano molto distanti, non so chi ha cambiato posizione….spero il governo…

    (ANSA) – ROMA, 16 MAR – Si’ unanime della Camera alla mozione unitaria sulle fonti di energia rinnovabili. Sul testo, sottoscritto da tutti i capigruppo, si sono astenuti i deputati di Forza del Sud ed i deputati radicali che avevano presentato una loro mozione poi respinta. In base al testo approvato, il governo viene, tra l’altro, impegnato ‘a convocare immediatamente un tavolo di confronto con tutti gli operatori del settore, per poter definire al piu’ presto un nuovo sistema di incentivi’.

    Ecco i primi dettagli…

    l governo si impegna a rivedere il decreto rinnovabili, ma l’ unico impegno preciso che ho visto e’ la formulazione del nuovo conto energia entro il 10 aprile e non il 30 dello stesso mese. Quindi il conto energia che doveva arrivare al 2013 e’ stato annullato e l’ opposizione e’ d’ accordo. Ma fino al 10/4, ammesso che i tempi siano rispettati, cosa succedera’ ? Gli ordini disdetti alle imprese saranno invece confermati ? Le firme dei contratti saltate negli ultimi 15 giorni, avranno motivi certi per essere eseguite ?
    Marco

    Il governo si impegna a rivedere il conto energia

    Sì unanime dell’aula della Camera alla mozione unitaria sulle fonti di energia rinnovabili. Il testo è stato sottoscritto da tutti i capigruppo di Montecitorio: si sono astenuti soltanto i deputati di Forza del Sud (che fanno riferimento al sottosegretario Gianfranco Miccichè) e i deputati radicali che avevano presentato una loro mozione. Elisabetta Zamparutti, radicale del Pd, ha spiegato che i radicali si sono astenuti perché ritengono la mozione «un magma indistinto di istanze tra loro, oltretutto, contraddittorie».Sarà dunque corretto il decreto sulle rinnovabili,

    Prestigiacomo: intesa «estremamente positiva»
    Un’intesa fra maggioranza e opposizione giudicata «estremamente positiva» dal ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo. Per il ministro «le indicazioni del Parlamento aiuteranno il Governo a definire entro breve tempo un sistema di promozione delle energie rinnovabili che sia equo, in linea con gli standard europei e capace di sostenere adeguatamente un settore in grande espansione, capace di dare risposte importanti al paese sia sotto il profilo energetico che sotto il profilo occupazionale». Stefania Prestigiacomo ha anche ricordato che i trattati internazionali sottoscritti impongono all’Italia di raggiungere il 17% di energia prodotta da rinnovabili entro il 2020,

    Ridefinire nuovo sistema incentivi
    Il governo viene impegnato «a convocare immediatamente un tavolo di confronto con tutti gli operatori del settore delle fonti rinnovabili, per poter definire al più presto un nuovo sistema di incentivi; a non lasciare nell’incertezza tutto il settore delle energie rinnovabili, anticipando l’emanazione del decreto ministeriale in materia entro la prima decadi di aprile; a fare saldi gli investimenti che siano stati avviati sulla base del precedente quadro normativo; a prevedere che la tendenziale riduzione nel tempo degli incentivi delle fonti rinnovabili tengano in debito conto i congrui tempi di transizione, così da garantire gli investimenti effettuati dalle imprese del settore».

    Realacci (Pd): nella forma attuale il decreto è una mannaia per il settore
    Per Ermete Realacci, responsabile green economy del Pd, è positivo che sia stata approvata «la mozione unitaria che impegna il Governo a rivedere drasticamente il decreto legislativo sulle rinnovabili che nella forma attuale è una mannaia sull’intero settore e rischia di mandare in rovina migliaia di imprese e di addetti ai lavori».

    Fonte http://www.sole24ore.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: