forumambientalista

Fukushima, trovata la falla da cui l’acqua radioattiva va in mare. Ma come chiuderla?

In Senza categoria on aprile 3, 2011 at 8:48 am

La buona notizia da Fukushima è che hanno trovato la falla (e bella grossa) attraverso la quale l’acqua radioattiva finisce in mare. La cattiva notizia è che non riescono a chiuderla, almeno per ora.

Il fallout ormai è ai livelli di Chernobyl e non se ne vede ancora la fine: la radioattività continua a uscire dalla centrale nucleare.

Non solo. A Chernobyl la contaminazione si limitò fondamentalmente all’aria, e di conseguenza al suolo. A Fukushima c’è anche il problema dell’acqua: nella falda d’acqua sotto la centrale la concentrazione degli isotopi radioattivi dello iodio supera di mille volte i limiti massimi di legge. Nell’acqua dell’adiacente oceano Pacificoi limiti sono superati di oltre 4.000 volte.

Con questo si ritorna al punto da dove ero partita: la falla che porta l’acqua radioattiva in mare. I tre reattori in fusione parziale (uno di essi è con ogni probabilità anche in meltdown totale) sono stati letteralmente inondati d’acqua nel disperato tentativo di raffreddarli e di portarli sotto controllo: cosa, quest’ultima, che è ancora ben lontana.

L’acqua è entrata in qualche modo in contatto con il combustibile nucleare: non c’è altra spiegazione possibile al fatto che la centrale ora è piena di acqua talmente radioattiva da essere praticamente inavvicinabile.

Il punto in cui è avvenuto il contatto fra l’acqua e il combustibile nucleare non è stato individuato. E’ stata però individuato, dicevo, il punto attraverso i quali l’acqua radioattiva si è aperta una strada verso il mare: una fessura di 20 centimetri in un condotto al di sotto del reattore numero 2, quello ritenuto in meltdown. Le autorità dicono che sono stati effettuati controlli a tappeto, e non ci sono altre falle.

Dalla fessura esce acqua così radioattiva che nell’aria al di sopra di essa la contaminazione raggiunte 1 sievert/ora: significa che stare lì per quattro ore significa con ogni probabilità morire entro due mesi. La contaminazione dell’acqua stessa non è stata ancora resa nota.

Hanno provato a turare la falla con il cemento, e non ci sono riusciti. Il prossimo tentativo sarà con materiali polimerici. Vi terrò informati

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: