forumambientalista

Un mausoleo romano nella discarica illegale

In Senza categoria on aprile 21, 2011 at 8:18 am

Straordinaria scoperta della Guardia di finanza. A Pozzuoli il sito del II sec. d.C., con resti di decorazioni e stucchi, era completamente sotterrato da una discarica di rifiuti speciali

Un mausoleo romano nella discarica illegale Un’immagine del mausoleo scoperto nella discarica

 
 

La Guardia di Finanza di Napoli ha scoperto a Pozzuoli un mausoleo di epoca romana del II sec. d.C., con resti di decorazioni e stucchi, completamente sotterrato da una discarica di rifiuti speciali. Il ritrovamento è avvenuto durante il sequestro di un’area di 1700 mq in via Arco Felice Vecchio, dove erano stati illegalmente depositate 58 tonnellate di rifiuti speciali.
Guarda il mausoleo ritrovato
E a Napoli i turisti fotografano la “monnezza”
Il video della Guardia di Finanza

Un mausoleo di epoca romana, del II secolo d.C., con resti di decorazioni e stucchi, completamente sotterrato da una discarica di rifiuti speciali. La scoperto è stata fatta dalla Guardia di Finanza di Napoli a Pozzuoli, in provincia di Napoli. Il ritrovamento è avvenuto durante il sequestro di un’area di 1.700 metri quadrati, in via Arco Felice Vecchio, dove erano stati illegalmente depositati 58 tonnellate di rifiuti speciali. Gran parte dei rifiuti era stata occultata all’interno di alcuni ruderi presenti nell’area uno dei quali di interesse storico-culturale, denominato “Torre Poerio” e risalente al XVII secolo.

Nel corso delle operazioni, le Fiamme Gialle si sono accorte che una porzione di un casolare era stata deliberatamente fatta crollare allo scopo di occultare altri rifiuti. I militari, con una pala meccanica, hanno rimosso il materiale di risulta provocato dal crollo e hanno scoperto l’ingresso di un cunicolo sotterraneo, delimitato da travi in marmo.

Con l’assistenza della soprintendenza ai beni archeologici di Cuma è stato ritrovato un mausoleo con resti di decorazioni e stucchi dove, erano stati scaricati anche altri rifiuti speciali. L’area è stata sequestrata ed il proprietario e l’occupante sono stati denunciati per violazione delle norme ambientali e di tutela del patrimonio archeologico nazionale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: