forumambientalista

Inondazioni negli Usa. La centrale nucleare di Fort Calhoun allagata dal Missouri

In Senza categoria on giugno 20, 2011 at 10:54 am

Davvero questo 2011 è un anno di sfiga atomica. Stanno facendo il giro del web le immagini della centrale nucleare di Fort Calhoun, in Nebraska: inondazione in corso, i suoi edifici spuntano come isolotti dalle acque melmose del Missouri. Questa foto piccola non rende giustizia alla situazione: un po’ di pazienza e ne arriva una migliore.

Gli eventi meteorologici estremi sono diventati praticamente la norma: negli Usa le alluvioni hanno gonfiato i fiumi al punto che, per evitare guai peggiori, sono state aperte le dighe, inondando enormi estensioni di territorio.

Previste ulteriori piogge. L’acqua si alzerà ancora. E’ stata proprio l’acqua dello tsunami a causare la tragedia di Fukushima. Cosa dobbiamo aspettarci a Fort Calhoun?

Una bella analisi della situazione di Fort Calhoun è appena uscita sul Bulletin of the Atomic Scientists, il gruppo che si prende cura del Doomsday Clock. Si tratta dell’orologio che scandisce la marcia verso l’annientamento nucleare: civile o militare, non importa. Guardate in che stato è la centrale: si tratta degli edifici in basso.

La preoccupazione – ovvia – è che l’alluvione faccia mancare l’energia elettrica, indispensabile per il raffreddamento del reattore (è spento ma ha ancora all’interno i due terzi del combustibile nucleare) e dell’annesso deposito di combustibile usato, e che l’acqua metta fuori uso anche i generatori elettrici diesel d’emergenza: esattamente come a Fukushima.

Fort Calhoun, dice il Bulletin, non è l’unica centrale nucleare che se la deve vedere con l’inondazione. C’è anche quella, più grande, di Cooper, sempre in Nebraska, vicino alla confluenza fra Missouri e fiume Platte.

In tutti e due gli impianti si innalzano sbarramenti per arrestare l’acqua e si costruiscono passerelle che consentano di raggiungere gli edifici. Idem nelle due vicine centrali a carbone per la produzione di energia: si vuole mantenerle in funzione e per assicurare l’elettricità alle centrali nucleari. Ma non si sa se sarà possibile.

Secondo il Bulletin, le due centrali nucleari se la vedrebbero davvero brutta solo se una diga a monte dovesse cedere all’improvviso. Cionondimeno la settimana entrante a Fort Canhoun l’acqua raggiungerà, si prevede, i 70 centimetri circa sopra il piano di campagna.

Nel caso andasse via la corrente elettrica? Sempre secondo il Bulletin, ci sono due generatori diesel d’emergenza, con carburante sufficiente per quattro settimane.

Però neanche l’esaustiva indagine del Bulletin dice a quale altezza dal piano di campagna si trovano generatori e serbatoi di carburante. Speriamo non troppo in basso: Fukushima insegna.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: