forumambientalista

Trivellazioni petrolifere nell’oceano Artico, gli Usa aprono la strada alla Shell

In Senza categoria on agosto 8, 2011 at 6:40 am

L’Artico, col suo tesoro di idrocarburi, è una torta alla crema tolta dal freezer e spostata in frigorifero: e la Shell si appresta a gustare la sua fettina sotto forma di ricerca di petrolio nell’oceano Artico, per la precisione nel mare di Beaufort, in prossimità dell’Alaska.

Ha appena ottenuto il vialibera dal Dipartimento degli Interni Usa. Mancano ancora i benestare delle agenzie governative preposte alla protezione dell’ambiente, alla fauna e alla pesca. La Shell ha comunque espresso cauto ottimismo a proposito della possibilità di iniziare le trivellazioni la prossima estate.

L’Artico è l’ultima grande zona selvaggia rimasta nell’emisfero Nord. Il mare di Beaufort, lontano da rotte commerciali, è prediletto da balene, beluga e uccelli. Ovvio che per gli ambientalisti questo vialibera preliminare sia inescusabile. E poi: vi immaginate cosa accadrebbe se il petrolio finisse in mare?

Il permesso che la Shell sembra sul punto di ottenere riguarda quattro esplorazioni in acque basse alla ricerca di idrocarburi.

Il freddo amplificherebbe la difficoltà della natura a degradare i veleni dispersi nell’ambiente. Gli ecologisti non sono i soli a sottolineare i rischi per l’ambiente naturale, gli animali e le comunità indigene.

A quanto riferisce Afp, è preoccupato anche l’ammiraglio in pensione della Guardia Costiera Thad Allen, che l’anno scorso per conto del governo statunitense ha guidato gli sforzi per arginare la marea nera nel Golfo del Messico.

Egli, all’inizio di quest’anno, ha infatti avvertito che gli Stati Uniti sarebbero mal equipaggiati per far fronte ad uno sversamento di petrolio in Alaska: poche infrastrutture, acque burrascose, iceberg alla deriva. In molti luoghi, poi, la più vicina base della Guardia Costiera si trova a centinaia di miglia di distanza.

La morale della favola è sempre la stessa: le riserve di idrocarburi della Terra sono tutt’altro che infinite. Ormai si può continuare a vivere come siamo vissuti finora solo a patto di andare a prendere il petrolio in luoghi impossibili, tipo i fondali oceanici o le regioni polari: costi quel che costi all’ambiente. E alle tasche di chi va a fare il pieno di benzina.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: