forumambientalista

Megalopoli ingorde. Entro il 2030 inghiottiranno un’area pari a cinque volte l’Italia

In Senza categoria on agosto 24, 2011 at 8:33 am

Il cemento mangia la terra. Nel 2030 in tutto il mondo la crescita degli agglomerati urbani avrà inghiottito un altro milione e mezzo di chilometri quadrati di suolo, ossia una superficie pari a cinque volte quella dell’Italia.

Gran parte di questa espansione, avvertono gli studiosi, avverrà in aree particolarmente significative e delicate dal punto di vista ambientale.

Si può solo aggiungere che, mentre aumentano le bocche da sfamare, il crescente numero di edifici e strade ridurrà il terreno coltivabile. Quest’ultimo, già di suo, in tutto il mondo è afflitto dall’erosione che sta facendo sparire lo strato fertile e superficiale.

L’espansione delle megalopoli sarà ben più rapida rispetto alla crescita della popolazione. Ora infatti il genere umano è formato da quasi 7 miliardi di persone, di cui 3,1 miliardi abitano in città. Nel 2030, su questa Terra saremo in 8 miliardi – un miliardo di persone in più – ma nelle città abiteranno 5 miliardi di persone: 1,9 miliardi in più.

La ricerca è appena uscita sul bollettino scientifico Plos One ad opera di studiosi delle università di Yale, Arizona State, Texas A&M e Stanford.

Il grosso del loro lavoro riguarda l’espansione delle città nel passato da cui si evincono le stime e i trend relativi al futuro.

Il team ha rivisto 326 studi che hanno usato immagini satellitari per ricostruire le dimensioni dell’urbanizzazione.

Ne discende che, in tutto il mondo, fra il 1970 e il 2000 le città si sono ampliate su 58.000 chilometri quadrati di territorio (circa un quinto dell’Italia); le più alte percentuali di urbanizzazione del territorio si sono registrati in India, Cina e Africa, mentre in Nord America l’estensione del territorio urbanizzato ha conosciuto l’espansione maggiore in termini assoluti.

Tuttavia, avvertono gli studiosi, i 326 casi presi in esame sono ben lungi dal coprire tutte le grandi aree urbane del mondo. Mancano ad esempio Dhaka, Karachi, Calcutta, Giacarta, Delhi.

Nonostante questi limiti, è stato possibile non solo stimare quanto cresceranno le città, ma anche come. Le aree urbane si ingrandiscono più rapidamente lungo le coste basse: con i pericoli connessi all’innalzamento del livello dei mari e ai fenomeni meteorologici estremi in aumento su tutto il pianeta.

Inoltre, hanno concluso gli studiosi, le città tendono a crescere soprattutto vicino ad aree protette: cosa che rappresenta un problema per l’ambiente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: