forumambientalista

Efficienza energetica: richiamo all’Italia per inadempienza

In Senza categoria on ottobre 2, 2011 at 8:26 am
Niente scappatoie per le certificazioni! A causa delle nostre inadempienze rischiamo l’applicazione di nuove sanzioni dalla Commissione Europea. L’autocertificazione in classe G non è corretta e sul condizionamento dell’aria mancano controlli
Mentre il Parlamento, in nome del sacro attaccamento alla poltrona, è impegnato in un’iniziativa di resistenza contro il buonsenso e la legge costituzionale e la reputazione internazionale, la Commissione europea ha inviato al nostro Governo un “parere motivato” in materia di efficienza energetica. La richiesta formale è quella di applicare tutte le norme comunitarie previste sulle prestazioni energetiche in edilizia. Si tratta del secondo (e penultimo) step previsto dalla procedura di infrazione, e che arriva dopo il richiamo dello scorso novembre che, evidentemente, non ha sortito gli effetti sperati da Bruxelles. 
Quali sono le nostre colpe? Primo: secondo l’Ue l’attuale normativa nazionale italiana sui cosiddetti Attestati di certificazione energetica (Ace) non rispetta le direttive della Comunità europea. La legislazione comunitaria, e in particolare la direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico nell’edilizia, stabilisce infatti che siano degli esperti qualificati a rilasciare le attestazioni obbligatorie in caso di compravendite e locazioni, sia per gli edifici nuovi che per quelli già esistenti. In Italia, però, i proprietari possono produrre una autocertificazione nel caso in cui dichiarino che il proprio edificio rientra nella classe di efficienza peggiore (la categoria di consumo G)
Questa possibilità è stata introdotta con le “Linee Guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici” approvate nel giugno del 2009, ma, secondo l’unione europea rappresenta nient’altro che una scappatoia per lasciare il nuovo proprietario o inquilino all’oscuro delle reali prestazioni energetiche dell’edificio.

Ad aggravare la posizione dell’Italia c’è poi il fatto che, nel caso dei contratti di affitto, la legge nazionale prevede che gli Ace siano obbligatori solo in caso di nuovi edifici, mentre la normativa europea li prescrive in ogni caso. Ma la disciplina della certificazione energetica non è l’unico settore nel quale Bruxelles ha bacchettato il nostro Paese. Secondo l’Ue, infatti, mancano in Italia le necessarie misure per garantire che gli impianti di condizionamento dell’aria vengano controllati regolarmente, e che i proprietari siano correttamente informati sui possibili accorgimenti per aumentarne l’efficienza.

A questo punto, il Governo ha due mesi di tempo per rispondere in modo convincente alla Commissione. In caso contrario, l’Italia rischia di essere deferita alla Corte di giustizia europea e di essere condannata al pagamento di un’ammenda. Un danno economico che si andrebbe a sommare alle perdite indirette causate dal mancato efficientamento degli edifici, che sono responsabili da soli del 40% dei consumi elettrici nazionali
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: