forumambientalista

Reti tagliate e nessun incidente Da noi lezione a politici e media

In Senza categoria on ottobre 23, 2011 at 7:28 pm

Si temevano nuovi scontri dopo quelli di sabato scorso a Roma, ma la manifestazione dei No Tav è stata assolutamente pacifica. L’unica ‘guerra’ è nei numeri della partecipazione: secondo gli organizzatori c’erano oltre 15mila persone, per la Questura 1500

Il cordone delle forze dell’ordine

 

Reti tagliate e nessuno scontro tra manifestanti e forze dell’ordine. La tanto temuta manifestazione dei movimenti che si battono contro la realizzazione della linea ad alta velocità tra Torino e Lione non è stata il secondo tempo di quanto è accaduto sabato scorso a Roma.

Con buona pace del ministro dell’Interno Roberto Maroni che, nella sua informativa al Senato sugli incidenti nella Capitale, aveva detto che i black bloc avevano partecipato a dei presunti “campi di addestramento” in Val di Susa.

Eppure i numeri facevano presagire ben altro: quasi duemila rappresentanti delle forze dell’ordine a presidio della zona rossa attorno al cantiere, oltre 15mila persone, secondo i comitati, e un obiettivo dichiarato: cesoie alla mano, tagliare le reti dell’area dove dovrebbe essere scavato il tunnel esplorativo. Un’azione di disobbedienza civile, “per aprire spiragli di democrazia”, come dice il movimento, che poteva anche finire male. Ma anche su questo punto i No Tav erano stati chiari: “Se incontreremo la polizia, gireremo i tacchi e torneremo indietro”. Ma non ce n’è stato bisogno perché la rete a protezione del cantiere è stata sì tagliata, ma l’azione è stata puramente simbolica. Sì perché quella protezione è comparsa solo questa mattina in un punto in cui fino a ieri non c’era niente. E la polizia si è tenuta a debita distanza.

“Quando ci siamo resi conto che non avremmo potuto raggiungere il cantiere – spiega Alberto Perino, storico leader dei No Tav – abbiamo deciso di prendere i sentieri del bosco di Giaglione”. E così è stato. Alcune decine di manifestanti sono anche riuscite a raggiungere la Baita Clarea, simbolo della lotta della popolazione valsusina, che l’ordinanza del Prefetto di Torino aveva collocato nel mezzo della zona vietata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: