forumambientalista

Corsa alla terra in Papua Nuova Guinea. A rischio le foreste e i popoli indigeni

In Senza categoria on ottobre 31, 2011 at 10:16 am
AddThis Social Bookmark Button

La Papua Nuova Guinea è uno dei pochi posti al mondo dove i popoli indigeni hanno il pieno diritto di proprietà sulle loro terre ancestrali, mentre appena il tre per cento di terreni è controllato dal governo o da imprese private. La proprietà consuetudinaria è una delle ragioni che fanno della Papua Nuova Guinea una delle poche aree al mondo in cui le foreste pluviali sono ancora in larga parte intatte. Gli indigeni hanno stretti legami spirituali per la loro terra e con la foresta e hanno il diritto al consenso, previo, libero e informato, prima che venga intrapresa qualsiasi attività commerciale nei loro territori.
La recente assegnazione di quasi il 20 per cento delle foreste del paese a progetti agricoli rappresenta quindi una minaccia per le foreste della Papua Nuova Guinea.

La nave di Greenpeace Esperanza harecentemente  aiutato i clan tribali della remota provincia di Pomio a battersi in difesa delle loro foreste. 
L’equipaggio di Greenpeace ha dipinto sulla fiancata di una nave carica di legname la scritta “fermate il furto di terra”. Il legname, rubato agli indigeni, era destinato all’esportazione in Cina. L’attività è stata accolta con ostilità da parte della compagnia del legno, ma non da parte delle  comunità locali che chiedono la fine dei contratti di cessione delle foreste per progetti agricoli, i SABL. L’introduzione di questi contratti minaccia di distruggere oltre 5 milioni di ettari di foreste, e con essa, le case e i mezzi di sussistenza di centinaia di comunità tradizionali.
La maggior parte dei SABLs assicura alle imprese 99 anni di controllo sulle terre sottratte ai legittimi proprietari.

“La nostra terra ci viene rubata e le nostre foreste vengono distrutte senza che nessuno ci abbia chiesto il permesso. I contratti di locazione SABL devono essere fermati o la mia gente perderà i suoi mezzi di sussistenza per 99 anni – e le nostre foreste saranno perdute per sempre “, ha detto Paul Palosualrea, un proprietario terriero che porta le proteste di oggi per Pomio.

All’inizio di ottobre, la famigerata compagnia del legno malese Rimbunan Hijau, ha pagato polizia per raggiungere in aereo i villaggi di Pomio e ridurre al silenzio le popolazioni che protestavano. Gli indigeni sono stati picchiati a bastonate e cinghiate, e dei ragazzi sono stati rinchiusi in un container di metallo (cosa che al sole dei tropici può costare la vita).
Come molti contratti di locazione SABL, anche quello di Pomio è stato ottenuto con la frode e molte delle firme in calce al contratto sono di bambini, uno dei quali risulta avere tre anni.

Una coalizione di proprietari tradizionali, clan indigeni, associazioni non governative, e gruppi della società civile si batte per l’abolizione dei  SABL e per la protezione delle foreste della Papua Nuova Guinea e dei diritti dei proprietari tradizionali.

“Le compagnie del legname promettono strade e servizi sanitari –  ha detto Sam Moko, di Greenpeace –  ma in realtà tutto quello che hanno da offrire offrono sono fiumi sporchi e le foreste distrutte. Il nuovo governo della Papua Nuova Guinea deve proteggere i diritti della sua gente e non i profitti delle grandi compagnie. Questo massiccio furto di terre deve finire una volta per tutte.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: