forumambientalista

Il crack energetico in vista

In Senza categoria on dicembre 1, 2011 at 9:06 am
 
Secondo l’Agenzia Internazionale per l’Energia o si fornirà energia moderna e pulita a miliardi di poveri oppure il sistema energetico-ambientale farà crack. Troppi incentivi alle fonti fossili, quasi sette volte superiori a quelli per le rinnovabili
Il World Energy Outlook 2011 recentemente pubblicato dall’agenzia internazionale per l’energia (Iea) dimostra che entro il 2050, in un quadro di attenuazione dei cambiamenti climatici, i quattro quinti delle emissioni di CO2 totali autorizzate nel settore energetico sono già “bloccate” da centrali elettriche, fabbriche ed altre infrastrutture esistenti.
 
Il rapporto sottolinea anche altre grandi e preoccupanti tendenze, come il record della CO2 in atmosfera, il calo della redditività energetica dell’economia mondiale per il secondo anno di fila e l’aumento delle sopese per l’importazione di petrolio che stanno navigando verso i record del settore.
La direttrice esecutiva dell’Iea, Maria van der Hoeven, ha evidenziato durante il dibattito alla Carnegie che «Le preoccupazioni economiche hanno distolto l’attenzione dalle politiche energetiche e limitato i mezzi di intervento».
Secondo Biriol, a capo dell’Economic analysis division dell’Iea, «Se nuove stringenti misure non saranno adottate entro il 2017, le infrastrutture energetiche esistenti non avranno alcun margine per permettere delle emissioni supplementari di anidride carbonica restando nella prospettiva di un aumento medio della temperatura mondiale di 2 gradi Celsius, punto oltre il quale i cambiamenti climatici sono considerati come un pericolo intollerabile».
 
L’economista raccomanda due opzioni per affrontare le preoccupazioni energetiche: «La prima è quella di sopprimere le sovvenzioni ai combustibili fossile i la seconda di migliorare la redditività dell’energia».
Secondo il rapporto Iea, le sovvenzioni ai combustibili fossili nel 2010 hanno raggiunto i 409 miliardi di dollari, contro i soli 66 miliardi di dollari per le energie rinnovabili. Insomma un mondo in crisi economica, ambientale ed energetica finanzia chi inquina e specula e non chi innova e punta sulle energie pulite.
Eppure il quadro fatto dall’Iea è a fosche tinte: l’aumento dei redditi nei Paesi in via di sviluppo produrrà maggiori bisogni energetici: un terzo in più tra il 2010 ed il 2035, e il prezzo medio del petrolio greggio importato nel 2035 sarà almeno di 120 dollari al barile. O si fornirà energia moderna e pulita a miliardi di poveri oppure il sistema energetico-ambientale farà crack.
Venendo alla situazione attuale, secondo Biriol «I paesi produttori dovrebbero tenere conto dell’alta spesa delle altre nazioni per le importazioni di petrolio e delle pressioni inflazionistiche quando prendono decisioni” output” . Riferendosi al prossimo summit dell’Opc del 14 dicembre l’economista Iea ha sottolineato: «Vediamo che i oggi prezzi del petrolio sono fastidiosamente alti, soprattutto in tempi di ripresa economica. I produttori dovrebbero prendere le loro decisioni di conseguenza».
Birol ha minimizzato l’impatto dell’embargo economico occidentale sull’Iran: «La maggior parte delle esportazioni dell’Iran per il momento vanno in Asia. Allo stato attuale, non vedo alcun impatto». A
La van der Hoeven si è rifiutata di rispondere alle domande dei giornalisti sull’Opec e le nuove sanzioni contro l’Iran, ma ha detto che il ritorno a pieno tutolo della Libia nell’Opec e a ripresa abbastanza veloce delle esportazioni petrolifere di quel Paese permetterà di raddoppiare le forniture libiche entro il 2012, fino a 1,2 milioni di barili di greggio al giorno. «In questo momento non c’è una interruzione dei rifornimenti tale da richiedere un altro “emergency release “. Non è una questione di prezzi. E’ un problema di interruzione dell’approvvigionamento di petrolio».
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: