forumambientalista

L’acqua è un bene prezioso , risparmiala !!!

In Senza categoria on gennaio 24, 2012 at 9:39 am

  L’acqua del water? Usate il doppio pulsanteLo scarico del water, che spesso facciamo con gesti meccanici, è una fonte di grandi consumi domestici di acqua: almeno dieci litri per ciascuna funzione. Per ridurre questo tipo di consumo, ed evitare sprechi, basta introdurre il doppio pulsante di acqua, che mette in circolazione soltanto quella necessaria. E dimezza i consumi di acqua del water.
  Che acqua beviamo dal rubinetto? Così puoi informarti Per evitare lo spreco degli eccessivi consumi di acqua minerale, bisogna tornare all’uso del rubinetto di casa. Avete qualche preoccupazione? Potete consultare il sito www.cheacquabeviamo.it che contiene tutte le indicazioni dai principali comuni italiani. Scrivendo alla redazione, potete anche avere notizie più specifiche relative alla qualità dell’acqua del rubinetto nel vostro territorio.
  Come innaffiare il giardino e la terrazzaUn grande spreco di acqua si registra, nei consumi domestici, per innaffiare giardini e terrazze. Eppure bastano pochi e semplici accorgimenti per evitarlo. Innanzitutto, se c’è un sistema automatico è preferibile quello a goccia, che utilizza una minore quantità di acqua e la fa arrivare a giusta destinazione. Grandi contenitori piazzati strategicamente sotto le grondaie possono fornire una buona riserva per l’irrigazione. Terza regola: attenzione all’ora dell’innaffiatura. Specie in estate, deve essere serale o notturna per evitare l’evaporazione dell’acqua. Infine per ridurre i consumi di acqua, non dimenticate antiche tecniche di coltivazione: piazzare una roccia calcarea a ridosso del tronco di un albero, per esempio, permette di mantenere un livello di umidità tale che per molte colture di può ridurre drasticamente l’irrigazione anche perché la pietra condensa l’umidità notturna. Altre indicazioni utili potete trovarle nei www.fertirrigazione.it e www.casa.atuttonet.it
  L’acqua del rubinetto senza cloro e senza batteriCome si depura l’acqua del rubinetto? Il metodo più semplice è quello di affidarsi a dei sistemi di microfiltrazione che si basano su carboni attivi e ioni d’argento. In commercio se ne trovano di diversi tipi, con un costo che può variare dai 50 agli 800 euro. Tra le aziende più affidabili, e con il maggiore numero di articoli in catalogo, potete dare uno sguardo alle offerte della Cillichemie (www.cillichemie.com) e della Culligan (www.culligan.it) . Con una spesa ragionevole potete così liberarvi dalla costosa e ingombrante acqua minerale.
 
  Acqua in casa: come abbattere i consumiPartiamo dai dati dei consumi domestici di acqua: il 33 per cento se ne va in docce e bagni, il 31 per cento finisce nella toilette, l’11 serve per il funzionamento della lavatrice, il 3 per cento per la lavastoviglie. Esistono alcuni metodi, molto semplici, per ridurre anche sensibilmente questi consumi. Tra il bagno e la doccia, per esempio, la differenza è enorme: almeno 150 litri nel primo caso, dai 30 ai 50 nel secondo. Un frangigetto, cioè un miscelatore di acqua e aria, consente poi di ridurre i consumi, durante la doccia,  entro i 9 litri al minuto. Per quanto riguarda il water (dieci litro a scarico), invece, basta applicare una semplice manopola di dosaggio che ha la funzione di abbattere il gettito. Le lavatrici di classe energetica superiore, infine, consentono un risparmio tra i 50 e i 100 litri di acqua: dunque può convenire cambiare l’elettrodomestico. Mentre per le lavastoviglie il risparmio va dai 15 ai 20 litri a lavaggio. E in ogni caso sia la lavatrice che la lavastoviglie vanno utilizzate a pieno carico e con una temperatura tra i 40 e i 50 gradi. Vedrete che con questi semplici accorgimenti quotidiani la vostra bolletta dell’acqua (e anche quella elettrica) risulterà molto più leggera di prima. 
 
  Vai in Rete e scopri come risparmiare acqua. Tutto il giornoLa Rete è una fonte preziosa per trovare i modi giusti, anche con gesti semplici, per risparmiare acqua. E non sprecarla. Tra i tanti siti che abbiamo visitato per voi, ne segnaliamo due con indicazioni puntuali ed efficaci. Il primo è quello dell’Autorità del Bacino regioni Friuli Venezia Giulia (www.abr.fvg.it) che contiene alcuni consigli utili, ordinati sulla base delle categorie di consumo: l’acqua che usiamo in bagno, in cucina, in lavanderia e per innaffiare le piante.Il secondo è il sito www.buonaidea.it, dove potete trovare indicazioni più specifiche anche su come lavare la frutta e mettere in funzione la lavatrice. Fate la prova: applicate qualcuna di queste regole, e vedrete che i vostri consumi di acqua caleranno. Avrete così risparmiato soldi contanti e dato un contributo concreto alla sostenibilità ambientale. Buona ricerca, e buon risparmio.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: