forumambientalista

Eternit: finalmente la sentenza

In Senza categoria on febbraio 9, 2012 at 9:28 am
Eternit: finalmente la sentenza. Per il 13 febbraio è stato annunciato il pronunciamento dei giudici di Torino sul processo per i morti causati dalla Eternit di Casale Monferrato.
 

Eternit: finalmente la sentenza. Il processo per gli operai morti nello stabilimento Eternit di Casale Monferrato conoscerà lunedì 13 febbraio il suo primo epilogo. Il pubblico ministero di Torino, Raffaele Guariniello, ha chiesto la condanna a 20 anni del proprietario e presidente della multinazionale dell’amianto, Stephan Schmidheiny, il magnate svizzero di 64 anni che nel frattempo ha offerto miliardi di euro a titolo risarcitorio a diversi Comuni della  zona perché rinunciassero a costituirsi parte civile. Il pm ha chiesto anche la condanna del principale collaboratore di Schmidheiny,  Jean Louis Marie Ghislain de Cartier de Marchienne, barone belga di 89 anni. Il processo ha visto oltre cinquanta udienze: l’accusa è di disastro ambientale colposo (per la dispersione delle fibre di amianto) e omissione volontaria di cautele nei luoghi di lavoro. Nell’Eternit di Casale Monferrato hanno perso la vita almeno 1600 operai e si registrano circa cinquanta casi di mesotelioma ogni anno ancora oggi. L’accusa ha chiesto anche tre pene accessorie: l’interdizione perpetua dai pubblici uffici, l’incapacità  di trattare con la pubblica amministrazione per tre anni e l’interdizione temporanea dalla direzione di imprese per dieci anni. A rifiutare la proposta di transazione avanzata dal miliardario svizzero sono stati i Comuni di Casale Monferrato, Balzola, Ozzano, Pontestura, Coniolo, Mirabello, Morano e Villanova; hanno invece accettato il denaro offerto in cambio della rinuncia a costituirsi parte civile nel processo (e la rinuncia di qualsiasi altra azione legale in futuro) i Comuni di Candia, Motta e Stroppiana. Saranno circa 1.200 le persone, tra cui 900 cittadini di Casale Monferrato, che presenzieranno alla lettura della sentenza. L’Associazione dei famigliari delle vittime dell’amianto (Afeva) calcola in 17 i pullman provenienti dalle città del Nord Italia, cui si aggiungeranno 3 pullman provenienti dalla Francia, oltre a delegazioni da Stati Uniti, Gran Bretagna, Olanda Belgio e Svizzera

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: