forumambientalista

Palestina: contro il blocco via mare, via cielo, via terra!

In Senza categoria on febbraio 12, 2012 at 12:19 pm

Febbraio 2012

Dopo i tentativi falliti della Freedom Flotilla nel luglio e nel novembre 2011 di rompere l’embargo alla striscia di Gaza via mare, in queste settimane sta prendendo il via un nuovo progetto di solidarietà con il popolo palestinese via cielo e via terra con la missione Benvenuti in Palestina 2012che vedrà gli attivisti della Freedom Flotilla partire, questa volta in aereo, il prossimo 15 aprile alla vota di Tel Aviv in Israele, per rivendicare la libertà di movimento da e per la Palestina, sia per i palestinesi, che per chiunque voglia andare a trovarli, rompendo l’assedio “di fatto” che Israele pratica anche in Cisgiordania.

“Il nostro progetto è trasparente – ha spiegato il comitato organizzatore – ad un anno dall’assassinio di Vittorio Arrigoni, centinaia di volontari si recheranno a Tel Aviv e poi direttamente in Cisgiordania per contribuire alla costruzione di una scuola, ma non sarà facile riuscirci perché la maggior parte delle persone sa che c’è un blocco illegale e disumano nella striscia di Gaza, ma molti ignorano che Israele mantiene un blocco anche su tutta la Palestina”.

Di fatto ad oggi per recarsi in Cisgiordania, come a Gerusalemme Est, i viaggiatori di tutto il mondo sono obbligati a passare sotto i controlli israeliani, tanto a Tel Aviv quanto al ponte di Allemby (se provenienti dalla Giordania), poiché Israele ha distrutto l’aeroporto di Gaza e si è annessa quello di Kalandia in Cisgiordania.
Ma i controlli ad oggi equivalgono ad un blocco? Un segnale potrebbe arrivare proprio dall’esito della missione di solidarietà. “Se i nostri governanti scelgono di collaborare con l’occupazione israeliana – hanno spiegato gli attivisti internazionali di Freedom Flotilla – questo per noi non è accettabile e per questo seguiteremo in tutte le forme, con barche, convogli terresti, aerei a forzare e a denunciare l’arbitrio e il blocco illegale israeliano.
 Seguiteremo a dire alto e forte che i territori palestinesi non appartengono a Israele e che noi rifiutiamo di subire le sue violazioni del diritto internazionale e dei diritti umani, in primis la libertà di movimento”.


Per l’organizzazione italiana della Freedom Flottilla la pressione e la vicinanza internazionale è fondamentale. “Le famiglie e le associazioni palestinesi ci chiedono aiuto, ci chiedono di manifestare la nostra solidarietà reclamando l’applicazione del diritto fondamentale alla libera circolazione. Il 5 febbraio abbiamo ricevuto un messaggio di incoraggiamento da Basil Mansour, del comitato di resistenza di Bi’lin, uno dei villaggi palestinesi in Cisgiordania, che resiste da anni all’occupazione israeliana: Cari amici che preparano l’iniziativa Benvenuti in Palestina 2012, abbiamo l’onore di invitarvi a farci visita in Palestina e di ringraziarvi per la solidarietà con la nostra battaglia umanitaria contro l’ingiustizia dell’occupazione israeliana di un popolo senza difesa contro il furto della sua terra, delle sue risorse idriche, la colonizzazione dilagante e illegale e la costruzione del muro dell’apartheid. Siamo tutti esseri umani e quindi dobbiamo essere uniti: musulmani, cristiani, ebrei, bianchi e neri, arabi e internazionali, contro i nemici della pace, dell’amore, della vita, dell’umanità per porre fine a questa occupazione aberrante.
 Noi crediamo nella libertà e in una pace giusta, e siamo convinti che insieme possiamo porre fine a questa sofferenza. Abbiamo fiducia in tutti i nostri amici nel mondo, vi ringraziamo tutti e inviamo a voi il nostro affetto.
 Siete già stati al nostro fianco, ma l’occupazione israeliana vi impedisce di tornare, ma non scoraggiatevi, tornate. Vi invitiamo a tornare a farci visita, Bi’lin vi invita. Benvenuti a Bi’lin, Benvenuti in Palestina. Ecco perché non possiamo mancare a questo appuntamento” hanno aggiunto gli attivisti.

Oltre alla riuscita pratica del viaggio e all’attivo contributo nella ricostruzione di una scuola, l’obiettivo del movimento è principalmente mediatico. “La missione francese Bienvenue en Palestine dell’8 luglio scorso – ha precisato Nicolas Shashahani, attivista della campagna francese Bienvenu en Palestine 2012, in questi giorni in Italia per presentare la missione del 15 aprile – ha avuto un impatto mondiale è questo è significativo, tanto che la stessa stampa israeliana è rimasta scioccata nel constatare che si vietava a uomini, donne e bambini assolutamente pacifici di entrare in Cisgiordania e a Gerusalemme Est. I nostri governi fanno entrare liberamente persone che lanciano bombe al fosforo sulla popolazione civile, che praticano esecuzioni capitali extra-giudiziarie, ma noi che siamo nonviolenti, disarmati, che non abbiamo certo le mani sporche di sangue, noi non abbiamo il diritto di recarci in Palestina!
 Si, allora noi ripartiamo”.

Al posto dei 500 dello scorso luglio ora i pacifici sostenitori della causa palestinese contano di essere molti di più. “Avremo un gruppo di diverse nazionalità e professionalità, compreso tra i 9 e i 94 anni poiché questa è l’età di Stephan Hessel che parteciperà al viaggio e porrà la prima pietra per la costruzione della scuola di Betlemme in segno di solidarietà e speranza verso il futuro”. Per Sebastian Rodriguez, membro di Benvenuti in Palestina 2012 e attivista israeliano per i diritti del popolo palestinese “la Palestina è un test, noi dobbiamo capirlo. Non un test al chiuso di un laboratorio o in una provetta, ma un test su veri uomini, donne e bambini per vedere fin dove si può arrivare con le atrocità senza che il mondo si muova.
 Questo è il prototipo dell’ingiustizia, del disprezzo dei diritti e dell’affermarsi della legge del più forte, travestiti da scontro di civiltà o da conflitti religiosi. Ecco perché sarà più che mai importante quella prima pietra e la nostra presenza”.


Ora a due mesi dalla partenza la macchina organizzativa si è messa in moto, con una grande manifestazione a Parigi alla Borsa del Lavoro di Saint-Denis che fino a stasera sarà trasformata in una grande arena palestinese, con spettacoli teatrali, concerti, giochi, film, una sfilata di moda palestinese e con la ricerca di nuovi volontari che vorranno dare il loro contributo e la loro presenza nella missione del 15 aprile prossimo. Per tutti quelli che non potranno partecipare alla missione Benvenuti in Palestina 2012, ma vogliono comunque sostenerla, gli attivisti ricordano che dieci euro significano dieci mattoni per la scuola di Betlemme, che i volontari costruiranno insieme ai palestinesi. Un invito, anche questo, utile per restare umani”, ci avrebbe forse ricordato Vittorio Arrigoni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: